FridaMoji: l’app delle emoji di Frida Kahlo

FridaMoji è un’applicazione di emoji che ha come protagonista la pittrice messicana Frida Kahlo. La scelta di utilizzare il volto di Frida non è casuale, in quanto l’icona più famosa dell’artista è proprio il suo viso, rappresentato in numerosi autoritratti, e le emoji sono per l’appunto faccine che esprimono stati d’animo.

L’app è stata sviluppata da Sam Cantor, condirettore della Cantor Fine Art Gallery di Los Angeles, in collaborazione con la Frida Kahlo Corporation. Il free pack è stato rilasciato al pubblico l’8 marzo 2017 ed è compatibile con dispostivi con sistema operativo iOS 9.0 e successivi (iPhone, iPad e iPod touch).

Si tratta di un progetto artistico finalizzato a realizzare emoji, che rispecchino il più possibile le opere ed i momenti salienti della vita della Kahlo. Oltre ad arricchire il repertorio di emoji presenti sul nostro smartphone, FridaMoji è un vettore innovativo per diffondere l’arte attraverso canali differenti dai tradizionali.

Di seguito alcuni esempi:

A differenza degli altri autoritratti l’artista indossa un abito da uomo perché, in seguito alla separazione da Rivera, decide di rinunciare al costume Tehuana, che all’amato piaceva molto, come segno di rivendicazione di una riconquistata libertà emotiva. Si è appena tagliata i capelli, infatti notiamo che ha ancora in mano le forbici. Sul margine superiore è riportato parte del testo, di una canzone popolare messicana in voga in quegli anni:” Vedi, se t’amavo era per i tuoi capelli; adesso che sei rapata non t’amo più.” La donna, che si sente amata unicamente per le sue qualità femminili, decide di tagliarsi i capelli, simbolo di bellezza.

In quest’opera la pittrice indossa il costume Tehuana, al quale aveva rinunciato precedentemente in seguito all’abbandono di Rivera. Sulla fronte è raffigurato il ritratto di Diego, per il quale Frida Kahlo prova un amore ossessivo. Le radici delle foglie che le ornano i capelli ricordano la tela di un ragno, con la quale Frida cerca di catturare Diego.

A causa dell’incidente stradale in cui fu coinvolta e che le recò gravi lesioni alla colonna vertebrale, Frida Kahlo dovette sopportare per tutta la vita dolori alla schiena. Nel 1944 realizzò La colonna rotta in cui ha rappresentato il suo busto aperto verticalmente; all’interno la colonna vertebrale è sostituita da una colonna ionica rotta in più punti. Il motivo della ferita aperta è ripreso dalle spaccature del paesaggio, simbolo della sua sofferenza. Il suo volto è rigato dalle lacrime.

Download FridaMoji

La festa della mamma e l’arte
12 maggio 2017
Arts Of Italy: OVS per l’arte italiana
17 maggio 2017
La violenza interpretata da Francisco Goya e Pablo Picasso
9 maggio 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *